Scoperti ancora quattro transienti in pochi giorni

Settembre 2013: negli ultimi giorni dell'estate 2013 sono stati scoperti altri quattro transienti, grazie al sistema automatico di ricerca di Supernovae dell’Osservatorio Astronomico di Monte Agliale. Al momento l'unico che ha ricevuto il "riconoscimento ufficiale" presso CBAT è la Supernova 2013fj: si tratta di una Supernova di tipo Ia, scoperta attorno al massimo di luminosità (CBET 3654). La discovery image è stata ottenuta la notte del 7 settembre, nell'ennesima sessione osservativa automatica del programma MASACAS, parte dell'ISSP. Il sospetto è stato agevolmente individuato sia attraverso l'analisi visuale sia per mezzo del software di analisi automatica, nonostante la galassia ospite si trovasse al bordo del frame. Nella giornata successiva, viste le previsioni meteo assolutamente sfavorevoli su tutto il territorio nazionale, abbiamo deciso di chiedere supporto ad astrofili stranieri per il conseguimento dell'agognata conferma. Abbiamo così contattato il famoso cacciatore di Supernovae australiano Stu Parker e lo spagnolo Juan-Luis Gonzalez Carballo, impegnato soprattutto nell'osservazione e ricerca di stelle binarie. Entrambi, in brevissimo tempo, ci hanno fornito immagini di conferma della presenza della Supernova. Visto il prezioso contributo apportato dai due astrofili ci è sembrato opportuno proporre loro la possibilità di condividere con noi la scoperta della variabile. Per Juan-Luise si trattava della prima volta, si è mostrato estremamente entusiasta e ha accettato volentieri l'offerta. La scoperta della Supernova 2013df è stata quindi attribuita a Ciabattari, Mazzoni e Carballo. La cosa ha suscitato notevole interesse in Spagna e numerosi siti spagnoli hanno ripreso e commentato la notizia. Diversi astroimagers hanno fotografato la Supernova 2013fj e le splendide tricromie mostrate sotto sono state ottenute proprio da uno dei maggiori astrofotografi spagnoli.

Immagine della scoperta della Supernova 2013fj ottenuta la notte del 7 settembre dall'Osservatorio di Monte Agliale.

 

 

Immagine di conferma ottenuta da Juan-Luis Gonzalez Carballo nelle prime ore del 9 settembre.

 

 

Magnifiche tricromie della SN 2013fj realizzate da Miguel Angel Garcia Borrella (Spagna).

Un'altra Supernova scoperta dall'Osservatorio di Monte Agliale e già classificata è la PSN J23374416+0805126. E' stata individuata la notte del 2 settembre nella galassia a spirale PGC 71951 nonostante  avesse una luminosità estremamente bassa (mag ~ 18.7). L'oggetto è stato "ri-osservato" l'8 settembre dal PTF (Palomar Transient Factory collaboration) ed è stato classificato utilizzando il  gigantesco telescopio Keck1 (Atel 5387) rivelandosi essere una Supernova di tipo II.

Immagine di conferma della PSN J23374416+0805126, scoperta il 2 settembre nella galassia  PGC 71951.

Gli altri due transienti scoperti dall'Osservatorio di Monte Agliale e che al momento non risultano ancora classificati sono la PSN J01573355-0205572 e la PSN J20543194+0002368. Si tratta di oggetti estremamente deboli, con una  magnitudine (unfiltered) ancora superiore a 18.5. La speranza è che i gruppi professionali italiani o internazionali abbiamo risorse e tempo osservativo per poter effettuare, in tempi brevi, la necessaria caratterizzazione spettroscopica: qualora le variabili avessero infatti superato la fase di massimo potrebbero andare incontro ad una rapida attenuazione, diventando troppo deboli per poter essere studiate spettroscopicamente anche attraverso  i telescopi più grandi. L'aspetto che ci conforta è che tutti  i segnali sono stati individuati anche dal software di analisi automatica delle immagini, appositamente sviluppato.

Immagine di conferma della PSN J01573355-0205572 in UGC 1442, scoperta nelle prime ore del 3 settembre.

 

Immagine di conferma della PSN J20543194+0002368 in PGC 65690, scoperta nella serata del 3 settembre.

 

home